Questo sito utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua navigazione. Continuando, dichiari di accettare la nostra informativa sui cookies.

cartadocente I Libri di Camilla

Recensione de Il mistero del London su Thriller Magazine

Da Thriller Magazine, mercoledì 18 aprile 2012

Segnaliamo la presenza in libreria un thriller, rivolto a giovani lettori, ma piacevole da leggere anche per un adulto, dal titolo Il mistero del London Eye (The London Eye Mistery, 2007) della scrittrice Siobhan Dowd.
Il romanzo è stato pubblicato dalla casa editrice Uovonero. Questa casa editrice, creata da tre persone provenienti da ambiti culturali molto diversi fra di loro (Enza dalla psicologia dell'autismo, Lorenza dalla comunicazione, Sante dalla musica), ma tutti con una passione comune per i libri.
Hanno deciso la nascita di questa editrice perché sono fermamente convinti che leggere sia un diritto di tutti: aiuta a capire il mondo che ci circonda e la comprensione aiuta a essere liberi. Molte persone, a causa di difficoltà di vario genere, restano escluse dalla possibilità di godere dei libri: sono le persone affette da autismo, da dislessia, da ritardo cognitivo, da varie forme di disturbi dell'apprendimento.
Nel romanzo conosciamo Ted, un ragazzino autistico. Nel suo cervello “gira” un sistema operativo diverso da quello delle altre persone, vive con Kat sua sorella, suo padre è un esperto in demolizioni di grattacieli e la madre è infermiera.
Questo sistema operativo un poco diverso porta Ted a contare tutto, anche i cereali che mangia a colazione. E la notte, per dormire, ascolta il bollettino dei naviganti. Ha la fissa dei numeri e del tempo. Quello meteorologico, ma anche quello segnato dalla sveglia, di cui teme il ticchettio e che nasconde tappandosi le orecchie. Ted inclina la testa quando pensa forte e sfarfalla le mani quando si agita. Non capisce battute e frasi fatte, né comprende il linguaggio del corpo. Veste solo la divisa della scuola. Non sa nemmeno dire bugie. Esaspera i genitori e la sorella, che però gli vogliono bene e lo proteggono.
A trovare la famiglia di Ted arriva una loro zia e il cuginetto Salim, sono di passaggio a Londra prima di partire verso gli Stati Uniti. Ai due ragazzi viene chiesto di portare Salim a fare un giro sulla London Eye.
Kat è già in coda per comprare i biglietti quando un signore le regala il suo, “Soffro di claustrofobia” le dice. Lei e Ted, più che lieti di risparmiarsi il giro sull’Eye, accompagnano Salim sino alla capsula. Lo aspetteranno all’arrivo. Ted conta i passeggeri — ventuno — e non perde d’occhio la capsula. A giro terminato, i passeggeri sfilano fuori, ma Salim non è tra loro.
Viene immediatamente denunciata la scomparsa misteriosa di Salim, la polizia inizia le indagini tra la disperazione della madre e l’angoscia dei famigliari di Ted, ma il ragazzo, insieme alla sorella, decide di indagare per suo conto e dopo una serie di vicende scoprono — prima della polizia — la verità sulla misteriosa scomparsa del cugino.
Il mistero della scomparsa di Salim diventa lo sfondo su cui si intrecciano temi come l'emarginazione, la società multiculturale, la separazione dei genitori, l'amicizia. E Ted, con le specifiche qualità dovute alla sua condizione, ce ne offre una sua particolare e affascinante sintesi.

L’autrice:
Siobhan Dowd è nata a Londra da genitori irlandesi. Diplomata in lettere classiche all’università di Oxford, è entrata a far parte nel 1984 del Pen Club International, un’organizzazione di scrittori il cui obiettivo è quello di “riunire scrittori di tutte le nazionalità che abbiano a cuore i valori della pace, del rispetto e della libertà, senza i quali la creazione diventa impossibile”. Per vent’anni si è battuta contro la censura e per la difesa degli scrittori minacciati e incarcerati in ogni parte del mondo. Il mistero del London Eye è il secondo libro che ha pubblicato, ma il primo che ha scritto. L’autrice è riuscita a completare altri due romanzi prima di morire improvvisamente di cancro nell’agosto 2007, all’età di quarantasette anni.

La quarta:
"Io e mia sorella Kat abbiamo portato nostro cugino Salim al London Eye, la grande ruota panoramica di Londra, perché non c'era mai stato. Lunedì 24 maggio alle 11.32 lo abbiamo visto salire. Lunedì 24 maggio alle 12.02 la sua capsula ha finito il giro, le porte si sono aperte e tutte le persone sono uscite. Tranne Salim, che si è volatilizzato."

Siobhan Dowd
Traduzione Sante Bandirali
Uovonero, collana I Geodi 3, pagg. 248, euro 14,00

Pino Cottogni

Leggi l'articolo dal sito di Thriller Magazine

leggere è un diritto di tutti

7

Creare libri speciali per dare a tutti i bambini, compresi quelli che hanno difficoltà di lettura di vario genere, il piacere di leggere e di condividere gli stessi libri.

Diffondere una cultura della diversità intesa come ricchezza, che sappia stimolare curiosità e conoscenza anziché paura e diffidenza, per mezzo di albi illustrati, opere di narrativa e saggi.

contatti

  • Via Marazzi, 12 - 26013 Crema
  • Tel. +39 0373 500622
  • Mail: libri@uovonero.com

Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo
3

Librerie
Hai una libreria e vuoi acquistare i nostri titoli? Contattaci

 
6

Scuole 
uovonero organizza incontri di formazione per gli insegnanti e incontri e laboratori per gli studentiVuoi saperne di più?