Questo sito utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua navigazione. Continuando, dichiari di accettare la nostra informativa sui cookies.

cartadocente

Dowd, un romanzo sulla diversità vincitore dell’Andersen

L'Avvenire, venerdì 20 luglio 2012

 

Ted ha 12 anni, vive a Londra con i genitori e la sorella Kat. Indossa sempre la divisa della scuola, ha una grande passione per la meteorologia e tiene tutto in perfetto ordine. Ted ha sindrome di Asperger, ma lui la vede in un altro modo: «Il mio cervello gira su un sistema operativo diverso da quello degli altri». Non riesce a capire i giochi di parole (nemmeno i più semplici), non è in grado di interpretare il linguaggio del corpo o di leggere le emozioni sul viso delle persone. E non ha mai detto una bugia in vita sua. In compenso, Ted è imbattibile quando si tratta di usare la logica per risolvere gli enigmi. Il suo cervello «che gira su un sistema operativo diverso», si rivela uno strumento formidabile: gli permette di osservare la realtà da punti di vista differenti. Da angolazioni che gli adulti non riescono nemmeno a prendere in considerazione. E sarà proprio lui a risolvere il mistero della sparizione di suo cugino Salim, salito sul London Eye (la grande ruota panoramica di Londra) alle 11.32 del 24 maggio e che da quella capsula non è mai sceso. Questa, a grandi linee, la trama de Il mistero del London Eye (Uovonero edizioni) della scrittrice anglo-irlandese Siobhan Dowd. Un romanzo per ragazzi, ma estremamente godibile anche per un pubblico adulto. «Il giallo si dipana su tre livelli -scrive Simonetta Agnello Hornby, avvocato e scrittrice, nella prefazione-. La sorda disperazione degli adulti; le ricerche della polizia; le indagini di Kat e Ted che dopo una serie di vicende scoprono, prima della polizia, la verità sulla misteriosa scomparsa del cugino». Inoltre, il romanzo ha la capacità di gettare uno sguardo nuovo e del tutto inatteso su un tema complesso come quello della disabilità. Non a caso, le parole 'Asperger' o 'autismo' non compaiono mai nel testo. E proprio per la «riflessione non consueta attorno alla diversità», il romanzo di Siobhan Dowd ha ricevuto il Premio Andersen come miglior libro oltre i 12 anni, tra quelli pubblicati in Italia nel 2011. Un riconoscimento al lavoro di paziente ricerca e traduzione di Uovonero, piccola e intraprendente casa editrice con sede a Crema (Cremona), che ha pubblicato Il mistero del London Eye nel nostro Paese. «Molte persone, a causa di difficoltà di vario genere, restano escluse dalla possibilità di godere dei libri: penso ai bambini e ai ragazzi affetti da autismo o dislessia -spiega Lorenza Pozzi, co-fondatrice di Uovonero-. Noi vogliamo che chiunque, nessuno escluso, possa esercitare il proprio diritto alla lettura». È nata così la collana 'I pesci parlanti': fiabe classiche riadattate con rinforzi comunicativi, in modo da supportare le difficoltà cognitive. Altra peculiarità, la sagomatura delle pagine, studiata per facilitare i bambini nello sfogliarli.

Siobhan Dowd 
IL MISTERO DEL LONDON EYE 
Uovonero. Pagine 256. Euro 14,00

Ilaria Sesana

 

leggere è un diritto di tutti

7

Creare libri speciali per dare a tutti i bambini, compresi quelli che hanno difficoltà di lettura di vario genere, il piacere di leggere e di condividere gli stessi libri.

Diffondere una cultura della diversità intesa come ricchezza, che sappia stimolare curiosità e conoscenza anziché paura e diffidenza, per mezzo di albi illustrati, opere di narrativa e saggi.

contatti

  • Via Marazzi, 12 - 26013 Crema
  • Tel. +39 0373 500 622
  • E-mail: libri@uovonero.com

NEWSLETTER

Privacy e Termini di Utilizzo
3

Librerie
Hai una libreria e vuoi acquistare i nostri titoli? Contattaci

 
6

Scuole 
uovonero organizza incontri di formazione per gli insegnanti e incontri e laboratori per gli studentiVuoi saperne di più?