Questo sito utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua navigazione. Continuando, dichiari di accettare la nostra informativa sui cookies.

I Libri di Camilla cartadocente

Siobhan Dowd Cadaveri e dubbi per un ragazzo in cerca di sé

Il Giornale di Brescia, sabato 16 marzo 2013

Può il misterioso ritrovamento di un cadavere di bambina assassinata non si sa quando e da chi, sconvolgere la vita di un adolescente? Ebbene sì, perché quando Fergus fa questo triste e macabro ritrovamento, mentre è in cerca di torba con lo zio Tally, la sua esistenza cambierà per sempre. Studiosi, archeologi e altri esperti arriveranno sul luogo della scoperta per studiare la salma della bambina che indossa un antico bracciale celtico, distogliendo Fergus dal conflitto che vive rispetto alcune questioni personali: passare il test di ammissione per medicina, risolvere spinosi problemi di cuore e tenersi lontano dai guai che invece sembrano rincorrerlo da vicino. A complicare la ricerca di stabilità del giovane - che trova nella corsa un ottimo svago per fuggire dalle pressioni quotidiane - non ci sono solo le faccende personali, ma strani sogni nei quali la bimba mummificata gli parla, raccontandogli la sua storia e quella del suo antico clan. Il nuovo libro di Siobhan Dowd, scrittrice di origini irlandesi morta a soli 47 anni per un tumore al seno, è un intrigante esempio di romanzo di formazione nel quale il protagonista è coinvolto in situazioni che mettono a dura prova il suo carattere, costringendolo a vivere in bilico costante tra ciò che lui vorrebbe fare e quello che, al contrario, gli eventi lo costringono a fare. In Fergus vive un forte attaccamento alle proprie radici irlandesi, ma allo stesso tempo il ragazzo sente il bisogno di dare una volta decisiva alla sua esistenza per non cadere nel baratro. Con abilità la Dowd, già autrice del premiato «Il mistero di London Eye» - vincitore del Premio Andersen nel 2012 -, inserisce la storia di un giovane io alla ricerca di sé nella cornice storica delle tensioni sociopolitiche al confine tra Irlanda del Nord e l’Ulster nel 1981, anno in cui molti militanti repubblicani irlandesi rinchiusi in carcere, primo fra tutti Bobby Sands, iniziarono un lungo sciopero della fame come forma di protesta contro il regime carcerario a cui erano sottoposti. Nel romanzo della Dowd questo evento storico tocca da vicino Fergus, perché suo fratello Joe (rinchiuso nel carcere di Long Kesh, con l’accusa di appartenere all’IRA) si assocerà ai compagni prigionieri, decidendo di non mangiare più.
«La bambina dimenticata dal tempo», edito dalla Uovonero di Crema, è un libro nel quale il presente e il passato viaggiano paralleli, dimostrando in che modo la diversità tra individui in certi casi possa essere utilizzata come espediente per giustificare i conflitti umani. Quelle lotte tra simili che però si riescono a superare con la comprensione, con il coraggio del cambiamento e con la riscoperta del valore umano presente in ogni persona.

Viviana Filippini

leggi l'articolo in formato .pdf

leggere è un diritto di tutti

7

Creare libri speciali per dare a tutti i bambini, compresi quelli che hanno difficoltà di lettura di vario genere, il piacere di leggere e di condividere gli stessi libri.

Diffondere una cultura della diversità intesa come ricchezza, che sappia stimolare curiosità e conoscenza anziché paura e diffidenza, per mezzo di albi illustrati, opere di narrativa e saggi.

contatti

  • Via Marazzi, 12 - 26013 Crema
  • Tel. +39 0373 500622
  • Mail: libri@uovonero.com

Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo
3

Librerie
Hai una libreria e vuoi acquistare i nostri titoli? Contattaci

 
6

Scuole 
uovonero organizza incontri di formazione per gli insegnanti e incontri e laboratori per gli studentiVuoi saperne di più?